Francobolli

Piccoli, preziosi e molte volte anche abbordabili. Il collezionare francobolli è sicuramente un’attività di nicchia, che va avanti da generazione in generazione e che non ha mai avuto battute di arresto. Anzi, con il passare del tempo, la compravendita di questo minuto e colorato pezzo di carta ha avuto picchi di acquisto soprattutto nell’800, anni in cui i collezionisti di tutto il mondo facevano carte false per poter riempire le “caselle” mancanti. Anche oggi, questo tipo di collezione gode ancora di un certo peso e valore, che continua ad appassionare!

Ce l’ho, mi manca!

Si narra che questa sia la cantilena cantata per la maggiore tra i collezionisti di francobolli, che cercano di colmare la casella mancante con un’opera d’arte di filatelia di valore e prestigio, ma anche modesto. Non a caso, il successo di tale hobby si basa proprio sul fatto che, in essa, non sia presente alcun tipo di oscillazione economica imprevista. Anzi, questo non è altro che un hobby in cui è possibile unire il gusto per la cultura ed estetica ad un prezzo abbastanza abbordabile.

Un mondo pregno di valore e falsità

Come per ogni collezione, è sempre presente un’opera originale e di valore, ed altrettante false e di poco conto. Ma come riconoscere un francobollo vero? Sicuramente la qualità di stampa è un dettaglio che non deve passare inosservato, in cui l’opacità delle lettere la dice lunga sull’originalità del prodotto. Così come la dentellatura, che deve essere sempre morbida e delicata, quasi invisibile all’occhio umano. Sfogliando il nostro catalogo assortito periodicamente, potrai trovare una vasta gamma di francobolli, che risalgono a più di cinquanta anni fa, fino ai giorni nostri. Insomma, un francobollo per ogni tasca!